Eras e laparoscopia di qualità all’Ospedale di Nola

Prosegue con successo il progetto ERAS (Enhanced Recovery After Surgery) presso l’Ospedale di Nola.

I pazienti sottoposti ad intervento chirurgico vengono mobilizzati ed alimentati precocemente con benefici notevoli e risparmio per le casse dell’ASL in quanto la dimissione avviene più celermente.

Di recente nella U.O.C. di Chirurgia Generale diretta dal dott. Antonio Agostino Ambrosio, una donna di 82 anni é stata sottoposta a emicolectomia destra laparoscopica per un tumore avanzato della flessura epatica.

Alimentata in prima giornata, la paziente si è canalizzata, é scesa dal letto ed ha deambulato ed è stata dimessa in quinta giornata in buone condizioni: ha dichiarato di non aver sentito alcun dolore nella fase post-operatoria.

L’intervento è stato eseguito dal dott. Pasquale Sullo insieme ai dott.ri Guido Lombardi, Carmine Sommese e Giusi Oliva.

Pare che l’Ospedale di Nola, dopo le note vicende dei pazienti curati per terra, di certo non per colpa dei medici, stia dimostrando di vantare eccellenze professionali di tutto rispetto.