Premio Vesuvio, sesta edizione: tutti i vincitori

Terzigno risponde presente alla serata conclusiva della sesta edizione del Premio Vesuvio e volta pagina, dimentica per un giorno il triste fatto che l’ha portata agli onori della cronaca nazionale: il femminicidio di Immacolata Villani.

L’associazione organizzatrice “I Giovani della Piazza” e il suo presidente Nando Zanga raccolgono i complimenti di tutti i partecipanti: sala consiliare gremita, un segnale importante da parte della cittadinanza che attraverso la cultura reagisce.

Un invito emblematico quello del sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, e dell’assessore alla cultura Genny Falciano, rivolto a tutti gli operatori culturali del territorio: “Continuate ad agire per la nostra comunità, per la nostra Terzigno“.

La commissione esaminatrice di quest’anno era così composta: Francesco Servino, direttore de “Il Cactus Giornale”; Francesco Gravetti, giornalista de “Il Mattino”; Genny Galantuomo, direttore de “Il Vesuviano; Carmine Alboretti, direttore de “Il Raggio di So.le”; Gabriella Bellini, direttrice de “La Provincia Online”;  Andrea Ripa, giornalista di “Metropolis”; Antonella Bianco, giornalista e docente; Mario Volpe, scrittore; Mario Dainese, poeta; Nicola Le Donne, attore; Vincenzo Aquino, avvocato.

Ecco i nomi dei vincitori della sesta edizione del concorso: per la categoria arti figurative, “Scatti dal Parco Nazionale del Vesuvio”, la vincitrice è Giulia Esposito dell’Istituto Comprensivo “Massaia” di San Giorgio a Cremano; la categoria “Bambini”, sezione narrativa, è stata vinta con “La morte” da Lilia Sofia Ambrosio, proveniente da Milano; per la categoria “Ragazzi”, sezione narrativa, con “Nel futuro all’improvviso” ha vinto Rosa De Vito dell’Istituto Comprensivo “Giusti” di Terzigno; la categoria “Ragazzi”, sezione poesia in lingua italiana, è stata vinta da Federica Tomasiello di Guardia Sanframondi; “Tra sogno e realtà, tra storia e beltà” dell’Associazione Urbe Vesuviana si è aggiudicata il premio della categoria “Adulti”, sezione narrativa; il premio per la categoria “Adulti”, poesia in lingua italiana, è stato vinto da Rosario Russo di Salerno con “Quando”; Alberto Cerbone di Casoria con “Nu suonno” si è aggiudicato invece la categoria “Adulti”, poesia in lingua napoletana.

Applausi anche per i bambini della scuola di teatro di Nando Zanga che hanno rappresentato le maschere italiane.