Un caffè con… Umberto Ammirati

Il Cactus Giornale ha incontrato Umberto Ammirati, giovane professionista candidato con Antonio Agostino Ambrosio sindaco al consiglio comunale di San Giuseppe Vesuviano, nella lista Paese Futuro.

Chi è Umberto Ammirati?

Sono un ragazzo di 32 anni, diplomato come tecnico informatico e specializzato in marketing e comunicazione sanitaria, attività che tuttora svolgo nel gruppo Neuromed, eccellenza sanitaria italiana per le malattie neurodegenerative. Per Neuromed svolgo eventi e attività strategiche per 15 cliniche tra Campania, Puglia, Lazio e Molise. Mi definisco un ragazzo altruista, determinato e responsabile, con la passione per lo sport, lo spettacolo e la moda, settore nel quale ho lavorato come modello per 8 anni vivendo tra New York, Miami e Los Angeles con esperienze anche nel settore televisivo“.

Perchè hai deciso di candidarti con Antonio Agostino Ambrosio?

Ho vissuto tanti anni a Roma ed ho sempre frequentato persone che si occupavano di politica a livello nazionale, e questo col tempo ha creato in me prima curiosità, poi passione e alla fine – consapevole che non si tratta di un gioco ma di mettersi a disposizione per fare il bene del nostro paese e dei nostri giovani – ho deciso di candidarmi con Antonio Agostino Ambrosio, al quale mi legano grande affetto e stima e che reputo una persona competente, disponibile e con le qualità giuste per poter portare San Giuseppe Vesuviano ai fasti di una volta, quando tutti, ma proprio tutti, invidiavano il nostro amato paese. Per me Antonio Agostino Ambrosio è l’unica vera persona che può fare politica nel nostro territorio e risolvere i problemi di San Giuseppe Vesuviano“.

Quali sono le tue idee per San Giuseppe Vesuviano?

Penso che con tutti i candidati consiglieri e con il nostro candidato sindaco abbiamo realizzato un programma elettorale eccellente, fatto di 15 punti importanti che possono essere realizzati, e non abbiamo fatto promesse che non saremo in grado mantenere. I temi che ho più a cuore sono quelli delle persone disagiate, dei disabili, perchè hanno bisogno di un aiuto costante e per questo bisogna tenerli presenti evitando sprechi inutili e cercando di aiutarli il più possibile. Non dimenticando poi le scuole, perchè, come sostengo sempre, è lì che si formano i giovani: sono luoghi in cui crescono culturalmente e caratterialmente, e per questo ritengo giusto che le strutture scolastiche debbano essere sicure strutturalmente e sempre munite di tutto il materiale didattico necessario al loro funzionamento, per permettere ai giovani di poter studiare, formarsi e avviarsi al mondo del lavoro. Proprio per questo vorremmo realizzare uno Sportello Europa, per aiutare i giovani ad entrare nel mondo del lavoro, con bandi, finanziamenti regionali, nazionali ed europei. Altri punti che reputo importanti sono: il rilancio del commercio, le strutture sportive, le aree verdi attrezzate per le famiglie e il controllo dell’immigrazione. Per questo ci auguriamo di riuscire a raggiungere il nostro obiettivo e realizzare quello che è il nostro programma elettorale“.

Come convinceresti un elettore a votarti?

Semplicemente facendogli capire che la nostra è una squadra formata da tanti giovani preparati, ognuno dei quali ha delle qualità e delle idee per cambiare e realizzare nuovi progetti per il nostro paese. Potrei mettere a disposizione di coloro che mi voteranno la mia esperienza nel settore amministrativo, che ho acquisito negli anni nel mio lavoro, ma soprattutto la disponibilità, l’educazione e l’umiltà che reputo principi fondamentali“.

Una citazione o una frase motivazionale.

Riprendo lo slogan della nostra campagna elettorale, “Insieme si può”, perchè penso che solo uniti e con persone preparate ed idee chiare si può cambiare il nostro paese e si possono realizzare nuovi progetti“.

di Francesco Servino